RICHIEDI SUBITO UN PREVENTIVO
CHIEDI ORA »

CHIAMACI
02-83632794 »

Ristrutturazione-blog-come-pitturare-una-stanza

Come pitturare una stanza: da dove cominciare

Si avvicina la primavera e con essa la voglia di cambiamento e di pareti colorate! Dopo aver rimuginato per tutto l’inverno su quel muro bianco, avete deciso di dare una svolta. Da dove cominciare?

Sembrerà strano, ma il punto di partenza è proprio quello che NON avete intenzione di cambiare. La ragione è semplice: quando decidete di stravolgere una parete, dovete fare in modo che il suo nuovo look sia perfettamente in armonia con gli altri componenti: in primis l’arredamento, ma anche gli accessori, tra cui tende, cuscini, soprammobili e così via. Per capire come pitturare una stanza, quindi, dovrete studiare attentamente l’ambiente da rinnovare. Nel caso in cui decideste di pitturare casa da zero, invece, o addirittura pensiate a una ristrutturazione casa completa o ristrutturazione negozio completa, libertà è la parola d’ordine!

Pareti colorate

 Il trend più in voga degli ultimi anni è sicuramente quello delle pareti colorate. Chiare, scure, opache, glitterate, monoblocco o con sfumature: c’è da sbizzarrirsi. Se siete in cerca d’ispirazione potete curiosare tra i trend del 2018. Tuttavia, prima di prendere il rullo e procedere, ci sono un po’ di consigli da prendere in considerazione.

In primo luogo, pensare di procedere con pareti colorate a tutto spiano è una decisione da ponderare attentamente. Sicuri di voler scegliere quel rosso fuoco o giallo canarino? Colori molto accesi possono stancare facilmente, e vi ritrovereste tra un anno o anche meno a metter di nuovo mano al portafogli.

Secondariamente, per decidere come pitturare una stanza, bisogna avere una chiara visione di quello che si vuole. Molto spesso, infatti, si sogna quel verde bottiglia per poi arrivare al negozio di vernici e capire che non è quello che fa per voi. Dunque, il consiglio è quello di effettuare qualche indagine preliminare sui colori: vederli dal vivo farà un effetto molto diverso che guardare delle palette dallo schermo di un computer. Solo dopo aver confrontato le diverse sfumature di uno stesso colore sarete in grado di decidere.

Infine, è vero che le pareti colorate possono dare un effetto visivo molto bello, ma tenente presente che in una singola stanza tutte le pareti colorate forse sono un po’ troppo. Prendete spunto dai trend del momento: una sola delle pareti colorate e tutte le altre bianche, oppure blocchi di colore disseminati per tutta la stanza, oppure ancora pareti opposte di un colore e le altre bianche… c’è l’imbarazzo della scelta.

Gli ultimi ritocchi prima di cominciare

Ultimissimo accorgimento riguardante le pareti colorate: attenzione alle dimensioni dell’ambiente. I colori scuri tendono infatti a rimpicciolire l’ambiente e sono quindi sconsigliati nel caso di locali piccoli. Per questi è meglio prediligere il classico bianco o le sue sfumature dal panna all’avorio, oppure orientarsi sui colori pastello, che donano all’occhio una sensazione di ampiezza. Viceversa, per stanze molto grandi o che vengono usate raramente, così come per le camerette dei bambini, potrete sbizzarrirvi con blu elettrico, lime, e rosa shocking.

Una volta decisa la sfumatura, il passo successivo è quello di selezionare la giusta qualità di vernice. Idrosolubile, acrilica, alchidica, al lattice, a smalto, le tipologie sono infinite e non esiste una qualità universalmente giusta. Ognuna di queste sarà infatti adatta per un determinato materiale: cemento, legno, cartongesso, esterni ecc. Tutto sta quindi nel trovare la giusta combinazione.

Gli accorgimenti per pitturare casa

Se avete già scelto il colore ideale, si tratta solo di mettersi all’opera. Come pitturare una stanza da cima a fondo? Cominciando dalle protezioni! In commercio esistono degli speciali teli plastificati che ti consentono di ricoprire tutto il pavimento evitando di dover passare diversi giorni a togliere via le macchie. Inoltre, i nastri carta vengono in aiuto per proteggere infissi, battiscopa, porte e altri elementi fissi che non devono essere tinteggiati. Lo stesso nastro carta può essere usato inoltre per fissare i teli plastificati a terra in modo da non lasciare nessun punto scoperto.

Come pitturare una stanza se si vive in casa

Certamente sarebbe consigliabile procedere a pitturare casa senza viverci dentro. Questo risparmierebbe un gran numero di inconvenienti. Tuttavia questo non è sempre possibile. Per questo bisogna preparare un piano d’azione. Innanzitutto è consigliabile procedere a pitturare casa quando le temperature sono più alte: questo permetterà alla vernice di asciugarsi prima, facendovi risparmiare tempo. Primavera e estate sono quindi le stagioni ideali. Inoltre, nel caso in cui sia possibile, converrebbe svuotare completamente la stanza da ogni oggetto e complemento d’arredo, per evitare di avere intralci e soprattutto di sporcare. Il garage o la cantina potrebbero ospitare temporaneamente i mobili della camera da dipingere.

Entriamo nel vivo di come pitturare una stanza. La prima cosa da fare è assicurarsi che i muri siano perfettamente lisci. Livellate quindi tutte le rugosità con della carta vetrata. Successivamente eliminate tutti i buchi con l’utilizzo dello stucco e della spatola, uniformando la superficie. Non dimenticate di pulire tutto una volta terminata questa operazione! La polvere che si deposita nella parte inferiore del muro andrà altrimenti inglobata dalla vernice, creando fastidiosi rilievi.

3, 2, 1… all’opera!

Per pitturare casa cominciate sempre dal soffitto. Potete scegliere il rullo con pertica o quello semplice e salire su una scala, l’importante è che, una volta finito, si passi a rifinire tutti i bordi con un pennello. Successivamente potrete passare alle pareti sempre allo stesso modo. Il pennello, in questo caso, va utilizzato anche per rifinire tutti i contorni degli elementi della parete (porte, prese elettriche e interruttori, battiscopa, condizionatori ecc.).

Aspettate che sia tutto completamente asciutto (potrebbe volerci anche più di un giorno) e poi ripetete tutta l’operazione per una seconda mano. Nel caso di pareti colorate potrebbe essere necessaria anche una terza, quindi armatevi di pazienza!

Potete quindi procedere a rimuovere tutte le protezioni apposte su porte, interruttori, finestre e altri elementi. Nel caso in cui fossero rimaste delle piccole imperfezioni (ad esempio tra parete e soffitto con colori diversi) correggetele servendovi di un pennellino.

Se amate il monocolore potrete ritenervi soddisfatti. Se invece siete amanti di effetti particolari, siete appena al primo passo! Molte sono le opzioni per decorare ulteriormente una parete: l’effetto spugnato, la vernice lavagna, lo stencil, le fantasie come righe e pois… infinite possibilità a vostra disposizione. In tutti questi casi però, è consigliabile la consulenza e l’intervento di un esperto. Creare questi giochi di colore o impiegare materiali innovativi richiede una preparazione che solo un professionista saprà offrirvi.

Se stai pensando a un intervento più radicale e vuoi conoscere i costi ristrutturazione di una casa o di un negozio contattaci per un preventivo gratuito.

 

© RistutturaTutto - Privacy - Cookie