RICHIEDI SUBITO UN PREVENTIVO
CHIEDI ORA »

CHIAMACI
02-83632794 »

installazione climatizzatore

Siamo a luglio inoltrato e non hai ancora fatto l’installazione climatizzatore? Speriamo per te che tu sia già in vacanza su un’isola tropicale! Se così non fosse, ti consigliamo di provvedere al più presto: il mese di agosto si preannuncia particolarmente caldo.

Oggi quindi vogliamo guidarti nella scelta condizionatore e darti qualche utile consiglio sull’installazione e su come goderselo al meglio.

Installazione climatizzatore: come scegliere quello giusto per la tua casa

La casa viene sempre considerata come il nostro rifugio, un posto dove tornare dopo una lunga giornata di lavoro. Ma cosa succede se, una volta varcata la soglia, si entra praticamente in un forno? Di certo il ritorno a casa non diventa più piacevole, ma viene anzi voglia di scappare di nuovo!

Per trasformare un forno in un ambiente accogliente, però, a volta basta solo un’installazione climatizzatore. Inoltre, bisogna tenere conto che per alcuni soggetti l’installazione climatizzatore è assolutamente necessaria. Parliamo di bambini, anziani o persone che soffrono di particolari patologie, che molto difficilmente sopportano l’afa dei mesi estivi.

Vuoi conoscere gli incentivi per l’installazione di un climatizzatore?

Clicca qui

Condizionatore o climatizzatore?

Partiamo con la prima cosa da decidere. Anche se la parola “condizionatore” viene comunemente utilizzata per indicare tutti questi sistemi, in realtà il condizionatore svolge la sola funzione di regolare la velocità dell’aria emessa, non la temperatura della stanza. Questo compito spetta invece al climatizzatore. Ciò significa che tutti i climatizzatori sono condizionatori, ma non viceversa. Per cui è bene accertarsi della funzione dell’apparecchio comprato.

Inoltre, solo con il montaggio climatizzatore è possibile regolare anche la deumidificazione, che a volte, da sola, basta a regalare un notevole sollievo.

installazione climatizzatore

La comodità del pinguino vs la potenza del fisso

Una scelta molto importante riguardante l’installazione climatizzatore è quella riguardante la possibilità di un montaggio condizionatore fisso o invece la scelta di un portatile.

Questo dipende molto dalla casa e dagli ambienti da raffreddare: per una casa relativamente piccola un condizionatore fisso, anche senza split (più avanti ti spiegherò cosa significa) può essere sufficiente.

Se invece stiamo parlando di ambienti molto grandi, e non si ha la possibilità di installare più di un fisso, il climatizzatore portatile può essere una soluzione.

In tal caso, però, sarà necessario praticare dei fori in ogni ambiente in cui il climatizzatore dovrà essere in funzione, poiché dovrà andare a prelevare aria dall’esterno.

Inoltre, il climatizzatore portatile per il motivo di cui sopra tende ad avere un consumo energetico maggiore rispetto al fisso, ed è anche molto più rumoroso quando è in funzione.

La potenza e l’energia

A proposito di consumo energetico: questo è un altro fattore da prendere in considerazione. La quantità di energia necessaria ha portato a una classificazione che divide appunto in classi il consumo.

I vecchi climatizzatori avevano un consumo elevato, ma oggi, con la tecnologia, è possibile avere climatizzatori molto più efficienti con un minore dispendio.

Questo dipende anche dall’introduzione di alcune funzionalità che hanno non solo portato a un risparmio, ma anche migliorato l’usabilità e i benefici derivanti dal suo utilizzo.

Consulta la guida Enea sulle classi energetiche dei condizionatori

La tecnologia inverter

Questa è una delle tecnologie più importanti introdotte per l’installazione climatizzatore. Grazie a questo sistema è possibile far raggiungere al climatizzatore la temperatura desiderata e, da lì, farla rimanere costante.

In questo modo verrà sprecata pochissima energia, poiché non ci sarà un continuo meccanismo di accensione/spegnimento. L’ambiente sarà molto più confortevole, e ciò può portare a un risparmio anche del 30% in bolletta.

L’automazione

Un altro modo per ottimizzare l’energia utilizzata è quello di utilizzare un termostato digitale. In questo modo è possibile impostare la temperatura da raggiungere: il climatizzatore entrerà in modalità “mantenimento” automaticamente.

Con il timer, invece, è possibile programmare gli orari di accensione e spegnimento, in modo da tornare a casa e trovare già una piacevole frescura. Oppure, è possibile programmare lo spegnimento prima di andare a dormire: ricordiamo infatti che è sconsigliato riposare con un climatizzatore acceso in camera.

Lo splitinstallazione climatizzatore

Ed eccoci allo split. Nel caso in cui tu viva in una casa grande, con più ambienti in cui regolare la temperatura, ti consigliamo di optare per un’installazione condizionatore multi-split.

In pratica, i diversi apparecchi interni saranno tutti collegati a un’unica uscita esterna, evitando un acquisto in più (e diciamocelo, anche un effetto un po’ antiestetico sul nostro terrazzo).

Geniale!

Dove?

Se lo split non fa per te, puoi optare per un’installazione condizionatore classica, ossia con l’apparecchio esterno che attraverso un foro nel muro raggiunge quello interno. Ecco quindi che si pone la scelta: dove collocarlo?

Tutto dipende da come vivi la tua casa. Sicuramente la zona giorno è da preferire rispetto a quella notte dato che, come abbiamo anticipato, dormire con il climatizzatore acceso non è una buona idea.

Anche il bagno e la cucina sarebbero da scartare. Il primo, infatti, non è certo un posto in cui passiamo molto tempo, e la seconda perché spesso necessita di avere una finestra aperta per eliminare gli odori del cibo.

A questo punto, resta il salone (a meno che non viviate in un open space!). È questa la stanza in cui si passa la maggior parte del tempo in casa, e quindi quella in cui la scelta del montaggio condizionatore è più conveniente.

Esistono, però, anche delle alternative: nel caso in cui le porte delle varie stanze siano tutte vicine tra loro, ad esempio, si potrebbe pensare all’installazione climatizzatore nel corridoio o nell’ingresso, in modo da raggiungere tutti gli ambienti.

In ogni caso, resta importante chiudere tutte le porte delle camere che non vogliamo siano rinfrescate. In questo modo si raffredderà più velocemente quello che ci interessa.

Quando?

Sappiamo che, quando la calura ci logora, la prima cosa che vorremmo fare è correre in negozio e comprare un climatizzatore da portare subito a casa.

Tuttavia, bisogna tener presente che il costo climatizzatore aumenta notevolmente nei mesi estivi. Magari è meglio stringere i denti e aspettare la fine dell’estate, quando le aziende non vedranno l’ora di liberarsi degli eccessi di produzione.

Inoltre, sei davvero sicuro di voler praticare un foro dall’esterno all’interno della casa solo per un climatizzatore? Non è un intervento di poco conto, e deve essere fatto da persone esperte.

Forse è meglio attendere un intervento di ristrutturazione per procedere all’installazione climatizzatore, quando la casa sarà comunque sottosopra e un foro in più non farà differenza!

Noi di Ristruttura Tutto possiamo consigliarti sul momento più adatto per effettuare una ristrutturazione.

Contattaci!

© RistutturaTutto - Privacy - Cookie