Ristrutturazione impianto elettrico a prezzi estremamente vantaggiosi: scopri il mondo RistrutturaTutto

La ristrutturazione dell’impianto elettrico è uno degli interventi importanti da fare se e quando si decide di procedere con un restyling della propria abitazione e dei relativi impianti sia che si tratti della ristrutturazione della casa sia per un appartamento, per mettere le mani sul sistema elettrico occorre affidarsi a dei professionisti del settore e avere le idee ben chiare.

Ristrutturazione impianto elettrico, di cosa si stratta

Per impianto elettrico, all’interno di una casa, si intende l’insieme di quegli elementi sia meccanici che fisici che sono necessari a far sì che l’energia elettrica entri in casa, circoli efficacemente e si diffonda in ogni zona dell’abitazione per poterne usufruire al meglio.

È l’impianto elettrico che ci consente, per intenderci, di utilizzare il phon, illuminare la nostra casa, far funzionare il frigorifero o connetterci al wifi col modem.

Se si decide di procedere con la ristrutturazione degli impianti, questo passo va preso molto seriamente poiché implica la ristrutturazione di stanze importanti come la cucina e il bagno. Gli impianti, infatti, devono attenersi a delle norme ben precise, disposte dal comitato Elettrotecnico Italiano che ha disegnato un quadro normativo specifico per gli impianti elettrici. Questi ultimi si dividono in tre livelli a seconda delle prestazioni e dei circuiti, un livello di base, uno con standard maggiori e un terzo per la domotica in casa.

L’impianto elettrico è formato da alcuni componenti specifici:

– il contatore o gruppo di misura, posizionato all’esterno dell’abitazione, che serve a conteggiare il consumo
– il quadro elettrico anche detto centralino, posto all’interno della casa.
– il montante che collega contatore e quadro elettrico

Il quadro rappresenta il cuore dell’impianto e da qui partono i cavi elettrici. Il quadro deve essere a norma, deve avere un interruttore generale per poter disattivare la corrente se necessario e almeno due interruttori cosiddetti differenziali. Naturalmente, l’impianto viene completato dalle varie prese, dai punti luce, dagli interruttori e dal sistema di messa a terra. In genere ci sono tre circuiti elettrici, quello delle prese, quello dei punti luce e quello della chiamata per il citofono. La legge prevede un minimo numero di prese e punti luce e una modalità predefinita per la loro realizzazione.

Ristrutturazione impianti, perché farla

Quando si parla di ristrutturazione impianti, si parla in genere di impianti vecchi e obsoleti, che hanno la necessità di essere adeguati alle norme vigenti o devono essere sottoposti a interventi di manutenzione straordinaria a causa di guasti o malfunzionamenti. Naturalmente, per procedere alla ristrutturazione dell’impianto, va elaborato un progetto serio sulla base delle proprie esigenze, della superficie dell’abitazione e sul budget a disposizione.

Nel caso di un impianto elettrico, inoltre, si può optare per una soluzione esterna, poco elegante ma di certo più economica e veloce, che consente di intervenire senza rompere i muri e i pavimenti, oppure con una a incasso, più costosa ma di certo esteticamente perfetta e qualitativamente migliore, che prevede di intervenire all’interno dei muri e della pavimentazione con interventi tecnici mirati.

Ristrutturazione impianto elettrico, si può risparmiare?

La regola per risparmiare, anche nel caso della ristrutturazione, è sempre la stessa: RistrutturaTutto. Un aspetto molto interessante in questo settore è rappresentato dalle agevolazioni fiscali contenute nella Legge di Stabilità.

Anche il rifacimento dell’impianto elettrico rientra a pieno titolo tra gli interventi di ristrutturazione detraibili, con la possibilità di avere agevolazioni fino al 50% delle spese. Inoltre, da non trascurare anche l’applicazione dell’IVA agevolata al 10%.

RistrutturaTutto-Ristrutturazione-impianto-elettrico

Scopri il mondo
RistrutturaTutto

RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO